Freni a disco interni (inboard disc brakes)

Potrebbero interessarti anche...

10 risposte

  1. maurizio ha detto:

    articolo sintetico ma assolutamente lodevole. Grazie Manuel.

  2. Fiorenzo ha detto:

    Molto interessante

  3. Fiorenzo ha detto:

    PS
    sto ancora aspettando che mi arrivi il link della registrazione

    • Manuel83 ha detto:

      Ti ringrazio per la segnalazione perché ho visto che anche altri utenti non erano stati confermati. Ti ho reinviato la mail di attivazione.

  4. Alex ha detto:

    Articolo interessante e facilmente comprensibile anche da un profano come me . . . bravi e grazie per averlo pubblicato

  5. Ermanno ha detto:

    Argomenti stimolanti. Gli articoli che sono stati annunciati su antidive e antisquat, saranno sicuramente interessanti.
    Mi sembra si capire che nei freni outboard, che hanno le pinze vincolate alla sospensione, le forze frenanti vengono trasmesse al telaio mediante i bracci delle sospensioni distribuendosi secondo il rapporto antidive proprio della geometria della stessa tra forze che sono assorbite dalle molle e forze che si trasmettono direttamente al telaio. Nel caso di freni inboard le forze di frenata passano direttamente dal punto di contatto al terreno al telaio come si trattasse di un corpo rigido e quindi, calcolate come forze esterne (dipendono dal passo e dall’altezza del baricentro) vengono assorbite dalle molle. E’ questo che si intende per “cambia l’indice antidive”?

    • Manuel83 ha detto:

      Grazie, per quanto possibile cerco di fare articoli su argomenti generalmente poco divulgati o comunque mi propongo di affrontarli in modo diverso rispetto al solito.
      Per quanto riguarda l’influenza della posizione dei freni (outboard/inboard) sull’antidive è più o meno come hai intuito. Se il gruppo freno è vincolato al montante ruota, gli organi della sospensione sono soggetti alla coppia di reazione dovuta alla frenatura, mentre se è vincolato al telaio esso esercita la coppia frenante sul semiasse e quindi la coppia di reazione si scarica direttamente sul telaio.
      Dal punto di vista grafico, considerando il sistema veicolo completo, cambia la retta d’azione delle forze scambiate tra il terreno ed il veicolo.
      Ad esempio, concentrandosi sull’avantreno e guardando il veicolo lateralmente, nel caso di freni posti sul montante ruota (outboard), la retta di azione della forza trasmessa dal terreno al veicolo passa per il centro dell’orma di contatto della ruota anteriore. Invece, nel caso di freni inboard, la retta di azione passa per il centro del mozzo ruota. In entrambi i casi summenzionati, l’altro punto per il quale passa la retta d’azione si trova sull’orizzontale per il baricentro del veicolo ed è situato in una posizione tra i due assali del veicolo che dipende dalla percentuale di forza frenante espressa dall’avantreno rispetto al retrotreno (se ad esempio il retrotreno non frenasse, tale punto si troverebbe esattamente sulla verticale per il centro dell’asse posteriore).
      In ogni caso, vi è la dipendenza dalla posizione del baricentro, dal passo e dalla ripartizione della forza frenante.
      Purtroppo spiegarlo a parole non è molto agevole, per questo spero di trovare quanto prima il tempo di preparare un articolo con molte illustrazioni al riguardo.

  6. Ermanno ha detto:

    Il suo sito consente agli appassionati come me di poter discutere e confrontarsi in maniera rigorosa. Grazie per le risposte sempre veloci e approfondite.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *